Spoglie S Valentino   Spoglie di San Valentino Convento dei Cappuccini a Belvedere Marittimo (CS)

In occasione delle festività di San Valentino il Comune di Belvedere Marittimo ha coinvolto le Associazioni del territorio nel programma della manifestazione. L’associazione “Fratello Cuore” ha accolto con piacere l’invito ed ha pensato, anche in considerazione del fatto che nello stesso periodo in molte piazze italiane viene celebrata la giornata mondiale dell’ammalato, di fare proprio il messaggio d’Amore di San Valentino, inteso come amore per la persona che soffre. San Valentino, Santo dell’Amore e degli Innamorati, figura emblematica dei primi secoli dopo cristo, con una storia ricca di misteri e leggende è stato spesso anche associato alla sofferenza ed alla malattia. La malattia è caratterizzata, ai nostri giorni, da una condizione di cronicità e spesso le cure mediche non risultano completamente efficaci per alleviare lo stato di sofferenza. Le malattie croniche cardiovascolari e le neoplasie, rappresentando al giorno d’oggi le più importanti cause di mortalità e morbilità, determinano uno stato di disabilità che comporta oltre ad una sofferenza fisica anche un disagio sociale ed una sofferenza psicologica. Lo sviluppo tecnologico della scienza medica, anche se ha portato a notevoli progressi in campo diagnostico e terapeutico, ha determinato un impoverimento del rapporto tra l’operatore sanitario e l’ammalato. Noi abbiamo voluto valorizzare il messaggio del Santo martire inteso nel senso dell’amore verso l’altro che è in grado di restituire quella umanizzazione delle cure tanto spesso ricercata. La festa del vescovo e martire Valentino si riallaccia agli antichi festeggiamenti di Greci, Italici e Romani che si tenevano il 15 febbraio in onore del dio Pane, Fauno e Luperco.

Convento Cappuccini Belvedere    Convento Cappuccini Belvedere Marittimno (CS)

Questi festeggiamenti erano legati alla fertilità dei campi e ai riti di fecondità. Divenuti troppo orridi e licenziosi, furono proibiti da Augusto e poi soppressi da Gelasio nel 494. La Chiesa cristianizzò quel rito pagano della fecondità anticipandolo al giorno 14 di febbraio attribuendo a San Valentino la capacità di proteggere i fidanzati e gli innamorati indirizzati al matrimonio e ad un’unione allietata dai figli. San Valentino nacque nell’anno 176 d.c., cittadino e vescovo di Terni dal 197, venne invitato a Roma da un certo Cratone, oratore greco e latino, perché gli guarisse il figlio infermo da alcuni anni. Guarito il giovane, lo convertì al cristianesimo insieme alla famiglia ed ai greci studiosi di lettere latine Proculo, Efebo e Apollonio. Il 14 febbraio 273 venne decapitato a Roma, durante l’impero di Aureliano. Documenti dell’VIII secolo narrano alcuni particolari del martirio: la tortura, la decapitazione notturna, la sepoltura ad opera dei discepoli Proculo, Efebo e Apollonio. Da questa vicenda sorsero molte leggende. Le più interessanti sono quelle che raccontano del santo martire amante delle rose, fiori profumati che regalava alle coppie di fidanzati per augurare loro un’unione felice. Oggi la festa di S.Valentino è celebrata ovunque come festa dell’Amore e degli Innamorati. Potremmo definire Belvedere l’ ”altra città dell’amore", infatti sono circa 300 anni, che il convento dei Padri Cappuccini conserva, ancora perfettamente, parte delle reliquie di San Valentino, (costituite da un'ampolla con s.s. sangue e dal s.s. corpo) la cui loro autenticità è confermata dalla lettera inviata dagli uffici papali dal cardinale Gaspare Del Carpine datata 26 maggio 1700 al sig. Valentino Cinelli. L’associazione “Fratello Cuore” ha realizzato un DVD dove partendo dalla città di Belvedere Marittimo la figura di San Valentino viene proposta partendo da una visione dell’Amore nel senso universale visto non solo come messaggio ma come stile di vita presente spesso nelle associazioni di volontariato.

Video San Valentino

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna